Procedura abilitativa semplificata - PAS

PAS (Procedura Abilitativa Semplificata) ai sensi art. 6 D.lgs. 28/2011

La PAS (Procedura Abilitativa Semplificata) è il procedimento disciplinato dall’art. 6 del D.Lgs. 28/2011, finalizzato alla realizzazione ed esercizio degli impianti a fonti rinnovabili indicati nei paragrafi 11 e 12 delle “Linee Guida per l’autorizzazione di impianti a fonti rinnovabili” del 10/9/2010 (indicati in dettaglio nel modulo). Il proprietario dell’immobile, o chi abbia la disponibilità sugli immobili interessati dall’impianto e dalle opere connesse, presenta al Comune, almeno trenta giorni prima dell’effettivo inizio dei lavori, una dichiarazione accompagnata da una dettagliata relazione a firma di un progettista abilitato e degli opportuni elaborati progettuali, che attesti la compatibilità del progetto con gli strumenti urbanistici approvati e i regolamenti edilizi vigenti e la non contrarietà agli strumenti urbanistici adottati, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e di quelle igienico sanitarie. Alla dichiarazione sono allegati gli elaborati tecnici per la connessione redatti dal gestore della rete. Nel caso in cui siano richiesti atti di assenso nelle materie di cui al comma 4 dell’articolo 20 della legge 241/90, e tali atti non siano allegati alla dichiarazione, devono essere allegati gli elaborati tecnici richiesti dalle norme di settore ai fini della acquisizione da parte del Comune.

Responsabile del Procedimento
Arch. Michele Siliprandi
 
Documentazione da allegare alla domanda

Dichiarazione del progettista abilitato che attesti la compatibilità del progetto con gli strumenti urbanistici approvati e i regolamenti edilizi vigenti e la non contrarietà agli strumenti urbanistici adottati, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e di quelle igienico sanitarie; relazione tecnica; elaborati grafici; stralcio RUE con indicazione dell’area di intervento; documentazione fotografica; documentazione catastale; progetto impianti ai sensi del DM 37/2008, se dovuti; elaborati tecnici per la connessione redatti dal gestore della rete; dichiarazione asseverata del progettista che i lavori edilizi non rientrano fra quelli da denunciare ai sensi del DPR 380/01 capo IV parte II, redatta su modulo Modulo MUR A1/D1, o deposito pratica sismica o, autorizzazione sismica.